Da Greenpeace una buona notizia, diminuisce la deforestazione in Amazzonia.

In un recente articolo comparso sulla pagina principale di Greenpeace Italia si sottolinea come gli indigeni Karipuna siano riusciti in collaborazione con Greenpeace stessa e con il Consiglio Indigeno Missionario a convincere le autorità locali ad intervenire e fermare la devastazione della foresta Amazzonica in atto nel loro territorio.

Gli indigeni Karipuna vivono in un area di circa 150.000 ettari con grandi foreste, nel nord del Brasile in Rondonia, territorio a loro assegnato nel lontano 1998.

Da allora hanno dovuto sempre far fronte a continue intromissioni delle grandi industrie del legname interessate a trarre profitto dalla distruzione della foresta.

Il picco si è raggiunto nell’anno 2017-2018 con ben 1400 ettari di foresta distrutta.

Finalmente oggi il lavoro coordinato con il governo ha portato alla fine della deforestazione con il sequestro dei macchinari utilizzati e l’arresto dei responsabili.

Deforestizzazione in Amazzonia per indicizzazione su google.
Deforested area on the edge of the Karipuna Indigenous Land, in the Amazon, registered in overflights in September 2020 Área desmatada no limite da Terra Indígena Karipuna, na Amazônia, registrada em sobrevoo em setembro de 2020

Un analisi satellitare effettuata da Greenpeace ha evidenziato come nell’anno 2019-2020 siano stati deforestati ” solo ” 532 ettari di foresta, con una riduzione di quasi il 50%.

Un successo non solo del popolo Karipuna, ma del mondo intero per il quale l’Amazzonia ( polmone della Terra) rappresenta, con la sua biodiversità, un patrimonio inestimabile.

Fonte Greenpeace Italia

Per un maggiore approfondimento vi rimando all’articolo originale

Vittoria! Amazzonia brasiliana: diminuisce la deforestazione nelle terre dei Karipuna

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*